Semplici consigli per fotografare un acquario – Parte terza

0
316


Semplici consigli per fotografare un acquario
In questa “parte terza” dell’articolo Semplici consigli per fotografare un acquario vedremo cosa cambierà in una fotografia andando a variare la profondità di campo (f).
Nei link seguenti trovare la prima e la seconda parte di quest’articolo:
Semplici Consigli per Fotografare un Acquario – Parte Prima – Semplici Consigli per Fotografare un Acquario – Parte Seconda

Profondità di campo
Il concetto principale che dovete capire è che modificando il valore del diaframma (f) lascerete passare più o meno luce all’interno del corpo macchina e di conseguenza nel sensore. Il diaframma ovviamente influisce sulla profondità di campo che ci permette di decidere quanto vogliamo sfocare lo sfondo della nostra foto. In sostanza scattando con un valore basso del diaframma per esempio “2,8” faremo entrare molta luce nel sensore e avremo poca profondità di campo e di conseguenza lo sfondo della nostra foto sarà molto sfocata o per essere più chiari la parte della nostra foto a fuoco sarà minima. Invece scattando una foto con valore di diaframma “16” faremo entrare poca luce nel sensore e avremo molta profondità di campo per cui la nostra foto avrà un’ampia zona messa a fuoco.

Esempio n.1 – f/4,8

scatto a f/4,8

Come si vede dalla foto utilizzando un diaframma molto aperto (valore basso) lo sfondo risulta completamente sfocato e comunque la parte a fuoco del corallo è minima.

Esempio n.2 – f/22

f/22

In questo esempio invece è evidente che usando un diaframma molto più aperto (f/22) nello sfondo si iniziano a intravedere altri coralli e il soggetto fotografato presenta più zone messe a fuoco. In questo caso abbiamo meno sfocato ma più profondità di campo.

Esempio n. 3 – f/36

f/36

In quest’ultimo esempio, scattando con diaframma molto chiuso (f/36), abbiamo molta profondità di campo in quanto i coralli sullo sfondo sono ancora più visibili. Considerate che la distanza che c’è tra soggetto della foto e i coralli presenti nello sfondo è di circa un metro, se fosse stata molto inferiore i coralli sullo sfondo sarebbero a fuoco.

Potete provare pure voi a fare qualche prova fissando la fotocamera su un treppiede e scattando una serie di foto ad uno stesso soggetto variando la sola profondità di campo. Per effettuare tale prova potete scattare in modalità “Priorità di diaframma” in quanto in questa modalità voi scegliete la profondità di campo e in automatico la fotocamera imposta il tempo di scatto più adatto.

Vi ricordo che volendo potete usare il forum nella “Sezione Fotografia” per chiedere chiarimenti e consigli anche postando le vostre foto: Forum Sezione Fotografia

 – Semplici consigli per fotografare l’acquario – Parte Prima

– Semplici consigli per fotografare l’acquario – Parte Seconda

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here