La vasca di Andrea Casalboni – Anno 2010

8
498


In quest’articolo vi verrà mostrata la Vasca di Andrea Casalboni, vasca smontata nell’anno 2010. Gli acquariofili di vecchia data sanno perfettamente chi è il personaggio in questione e sicuramente si ricordano anche la vasca e in modo particolare le sue foto. Personalmente posso dire che è stato il mio riferimento quando muovevo i primi passi del mondo dell’acquariofilia e anche quando ho deciso di dedicarmi alla fotografia. Non nego di aver ricevuto i primi e utilissimi consigli proprio da lui.

Panoramica - Marzo 2007
Panoramica – Marzo 2007

 

Panoramica - Marzo 2007
Panoramica – Marzo 2007

Andrea raccontaci come sei entrato nel mondo dell’acquariofila e quale evento ha scatenato questa passione.
Bella domanda , la cui risposta risale a parecchi anni fa , la mia passione per la natura e per gli ambienti acquatici in particolare mi ha sempre accompagnato da che ho memoria , l’acquariologia pratica mi pare intorno a fine anni 90 o giù di lì , con esattezza non ricordo, so solo che di acquari d’acqua dolce non ci capisco nulla , li ho sempre ammirati , ma ho sempre e solo avuto vasche marine di barriera , dai coralli molli fino ai miei tanto amati SPS.
Perché non ho mai fatto una vasca dolce ? boh… il mare mi ha sempre attirato maggiormente , fin da quando mio padre mi ha insegnato ad andare in apnea fino ad arrivare alle immersioni.

Panoramica - Maggio 2007
Panoramica – Maggio 2007

 

Panoramica - Maggio 2007
Panoramica – Maggio 2007

 

Panoramica - Luglio 2007
Panoramica – Luglio 2007

In che periodo hai avviato la tua vecchia vasca?
La vasca in questione era a livello “fisico” la mia terza vasca marina , è stata avviata tutta da zero (come ho sempre fatto e come continuerò a fare per gestire al meglio l’avviamento che è una delle parti fondamentali degli acquari) ad inizio 2007 fino al suo smantellamento a metà 2010 circa , durante questi anni ho fatto vari cambiamenti che spiegherò in seguito.

Panoramica - Dicembre 2007
Panoramica – Dicembre 2007

 

Panoramica - Dicembre 2007
Panoramica – Dicembre 2007

 

Panoramica - Febbraio 2008
Panoramica – Febbraio 2008

Ci fai una descrizione della vasca e degli accessori abbinati?
La vasca era artigianale in vetro da 12 mm float non extrachiaro, misurava L.100×70 P. ed era alta 55 cm, mobile autocostruito con profili porsa e rivestito in legno nero (purtroppo non sono abile con il fai da te e si vede) sump grande e spaziosa, semplice con solo tasca di rabbocco.
Niente sabbia, solo rocce vive 35 kg circa appena arrivate non spurgate e non pulite. Secondo me fondamentali.
Schiumatoi ne ho avuti 3, cambiati più per sfizio che per necessità reali, ho avviato la vasca con il H&S 150 F2001 monopompa, poi ho messo il Bubble Magus 150 monopompa (equivalenti come efficacia, il BM è da pulire più spesso secondo me) e ultimo l’Elos NS500, sicuramente leggermente meno performante, ma sicuramente il più silenzioso dei 3.
Pompa di risalita Eheim 1250, pozzetto interno (lo scarico Xaqua era appena entrato sul mercato e per la posizione in cui ho avevo la vasca non era adatto), pompe di movimento 2 Tunze stream 6100 o 6105 (quelle da 12000 lt/h) non ricordo con il loro multicontroller (spettacolari e comodissime da usare anche se ingombranti ed esteticamente inguardabili rispetto alle attuali possibilità).
Per l’illuminazione mi ero affidato ad una plafoniera ATI Powermodule 10x39w a cui cambiavo i neon ogni 8-10 mesi (ammetto per pigrizia , il calo si vede bene dopo i 4 mesi di utilizzo e dopo 6 è proprio drastico) ho usato molteplici combinazioni di neon, ma ho sempre preferito gli ATI ai Korallenzucht come luce per la vasca (oltre ad una questione di prezzo dei tubi secondo me spropositata).
Integrazione di calcio affidata per i primi 6 mesi ad un reattore di acqua calcarea (non ricordo la marca) e dopo ad un reattore di Calcio Korallin, mi pare il 1501 , semplice, senza sonda.
Rabbocco automatico autocostruito e gestione timer e temperatura affidata ad un computer Aquatronica, accessorio che reputo di una comodità clamorosa, ma non certo fondamentale se non per risparmiare timer, fili e parolacce quando serve staccare una pompa o un accessorio

Panoramica - Marzo 2008
Panoramica – Marzo 2008

 

Panoramica - Ottobre 2008
Panoramica – Ottobre 2008

 

Panoramica - Febbraio 2009
Panoramica – Febbraio 2009

Tutti si chiederanno sicuramente come gestivi questa vasca, visti i risultati ottenuti. Ci potresti dare una descrizione dettagliata della gestione andando oltre i prodotti e le marche utilizzate? In particolare ci piacerebbe sapere sulla base di quali eventi prendevi determinate decisioni.
Grande domanda….ma forse un po’ impossibile dare una risposta precisa e applicabile a tutti, anche perché probabilmente alcune convinzioni che mi sono fatto nel corso degli anni ritengo siano veramente poco applicabili alla massa, per esempio ritengo che davvero pochi capiscono quello che stanno facendo alla vasca (e io non sono tra questi..) e allevare animali con successo sia in parte questione di fattori quasi ignoti.
Io ho sempre gestito la vasca in maniera molto molto semplice, il più semplice possibile a seconda del tempo che avevo a disposizione che con gli anni è calato drasticamente.
Facevo cambi d’acqua quasi regolari una volta al mese, circa 20 litri, mischiando i Sali che trovavo e che ritenevo utili in quel momento (o meno carichi o poco carichi).
Test li facevo una volta ogni 6 mesi (tranne che durante l’avvio in cui monitoravo tutto ogni settimana per i primi 4 – 5 mesi circa), solo Ca e Kh ogni mese se non vedevo problemi per vederne la stabilità visti gli animali in crescita.
Integrazioni spesso … sempre dopo l’inserimento di svariati animali mettevo Mg, Bo, K, all’occorrenza Fluoro e Iodio e oligoelementi.
Regolarmente dosavo batteri (un mix di 2 marche diverse) e alimentazione per gli stessi, regolarmente davo cibo agli SPS (mai solo uno, sempre 2 o 3 assieme in dosi minime, e sempre tanta tanta pappa ai pesci.

Panoramica - Febbraio 2009
Panoramica – Febbraio 2009

 

Panoramica - Febbraio 2009
Panoramica – Febbraio 2009

 

Panoramica - Febbraio 2009
Panoramica – Febbraio 2009

Il discorso pesci ed invertebrati non sessili merita un capitolo intero a parte secondo me, purtroppo ammetto che la penso in maniera molto diversa dalla maggior parte degli acquariofili che amano pesci grandi tipo acanturidi o pomacantidi o altri generi , io adoro e prediligo una moltitudine (sono arrivato a quasi 30 pesci in vasca in alcuni momenti) di pesci di taglia piccola.
Motivi? il primo è che secondo me stanno meglio, non a caso i pesci piccoli tipo pomacentridi o labridi hanno in vasca comportamenti molto molto simili a quelli in natura e raggiungono in rapido tempo la taglia massima che hanno anche in natura, cosa che non fanno gli acanturidi (che ho avuto per anni in vasche precedenti, per cui un minimo so di cosa sto scrivendo) e per me è un motivo sufficiente già questo, il nanismo indotto non è una fantasia, ma certo non voglio convincere chiunque ad adottare questa filosofia di gestione. Il secondo motivo è che i pesci piccoli di barriera vivono in natura DENTRO o in estrema prossimità con i coralli e le rocce vive, quindi movimentando l’interno dei coralli, portando loro cibo con i loro escrementi e pulendoli con i loro movimenti rendendo un po’ meno grave l’accumulo di detriti.
Per quanto riguarda gli altri invertebrati non sessili, per me sono altrettanto importanti ed è altrettanto importante variarne il più possibile la tipologia e il tipo, paguri, gamberetti, granchi, ricci, lumache, basta che siano innocui per i coralli io li mettevo , ci sarebbe da scriverne un libro, ma li reputo importanti oltre che splendidi da osservare e da osservarne i comportamenti.
Il problema vero è che molti hanno giudicato molto bene la mia vasca per via dei colori molto accesi che riuscivo a mantenere, i problemi sono 2, uno: non ci sono segreti di pulcinella o pozioni magiche, a mio avviso è solo una questione di studio ed osservazione pratica, e soprattutto i primi anni si pensa di capire tutto, ma più sono andato avanti e più capivo che non sapevo niente e mi rimettevo a studiare e leggere tutto quello che mi capitava a portata di mano, dai forum in inglese a decine di libri, a questo studio do il 90% del mio relativo successo con questa vasca, il secondo problema è: ma si deve giudicare il successo di una vasca solo dai colori ? no … almeno non per quanto mi riguarda … la mia vasca nel totale non l’ho mai valutata troppo perché ho avuto tanti, tanti problemi, che hanno portato purtroppo alla morte di molti animali, e spesso mi son reso conto che ero l’unico responsabile di questi accadimenti e mi rattrista abbastanza.

Acropora Tenuis - Febbraio 2009
Acropora Tenuis – Febbraio 2009

 

Panoramica - Febbraio 2009
Panoramica – Febbraio 2009

 

Panoramica - Aprile 2009
Panoramica – Aprile 2009

Problemi … una marea … ed è quello a cui gli acquariofili di barriera devono allenarsi a saper vedere fin dai primi sintomi, ed è per quello che secondo me la gestione deve essere più semplice possibile, meno variabili in gioco (a partire dalla tecnica sempre più complessa con reattori vari, polverine, resine e altre cagate che si possono rompere magari senza che noi ce ne accorgiamo e disfare la vasca in pochi giorni) più alta è la possibilità di intervento e correzione anche rapida dei problemi, ma senza lo studio sui forum (e non intendo sezioni di chiacchiera pura, intendo le sezioni serie) e sui libri uno non può sapere cosa fare, si può chiedere aiuto, ma se non sai cosa sta accadendo si rischia solo di aumentare i danni.
Scrivevo di problemi … tanti … che credo tutti quelli che hanno avuto o hanno vasche di barriera per alcuni anni hanno dovuto affrontare: picchi di inquinanti, alghe infestanti di vari tipi (ne ricordo varie di lotte alle alghe veramente stronze … anche perché le ho sempre affrontate senza curativi magici , ma solo con metodi naturali e ho sempre vinto. .. magari più lentamente, ma almeno sapevo cosa stavo facendo), infestazioni di parassiti vari tipo planarie e aiptasie e fino alle peggiori cose che possono capitare a chi ha coralli SPS, cioè le batteriosi con STN da sotto (per una di queste batteriosi ho perso molti coralli e poi ho fermato il tutto con l’aiuto dell’ozono che non ha fatto altro che dimostrarmi il fatto che fosse una batteriosi), per fortuna altre cose me le sono risparmiate, tipo red bugs o turbellarie.

Panoramica - Aprile 2009
Panoramica – Aprile 2009

 

Panoramica - Aprile 2009
Panoramica – Aprile 2009

 

Panoramica - Aprile 2009
Panoramica – Aprile 2009

Dalle foto si evidenzia la tua passione per i coralli SPS, di questi quali sono i tuoi preferiti e che consigli daresti per allevarli al meglio?
Già … gli SPS … ricordo i miei primi allestimenti … praticamente solo molli, poi qualche LPS e pesciotti … belli … poi ho iniziato a navigare su internet … all’epoca c’era il newsgroup it.hobby.acquari, e poi ho conosciuto Acquaportal … da lì ho potuto vedere quello che nei negozi fisici che ancora allestivano i reef con biologici e percolatori, per lo meno qua, non era nemmeno lontanamente concepibile, cioè il mantenimento di SPS colorati, in salute ed in crescita.

Panoramica - Aprile 2009
Panoramica – Aprile 2009

 

Panoramica - Aprile 2009
Panoramica – Aprile 2009

 

Montipora Danae - Maggio 2007
Montipora Mollis – Maggio 2007

Ho visto le prime, per me, vasche di soli SPS o poco altro, mi sono innamorato … ed ho iniziato ad inserire nella mia vasca di allora qualche SPS, che cresceva, ma i colori erano minimi … allora ho deciso di studiarci sopra e ho allestito quando il tempo ed i soldi me lo hanno consentito, la vasca di cui sto scrivendo per solo SPS (a dire il vero avevo anche qualche LPS e qualche molle, ma il 99% degli animali erano coralli duri dei generi Acropora, Montipora, Stylophora e Seriatopora).
Adoro gli SPS per via delle molteplici sfumature di colore (anche di marrone) e delle forme di crescita che possono avere.
Innanzitutto cerco di sfatare un mito: gli SPS non li ritengo più difficili di altri coralli, sono solo differenti come esigenze, se queste si rispettano non sono da allevare peggio degli altri coralli, se però non si rispettano sono solo dolori.
Alcune di queste esigenze non sono affrontabili per i neofiti secondo me, soprattutto perché non si è ancora abituati a leggere la vasca e le reazioni, solo dopo 2-3 anni secondo me è il periodo migliore, sempre se uno ha studiato quel che si deve (lo ribadirò sempre e per sempre, se non si studia non si va da nessuna parte in quest’hobby, almeno secondo me).
Consigli utili? in primis la luce … non è solo una questione di wattaggio o spettro, è che si deve fornire la luce a cui gli animali stanno come li vogliamo far stare, cioè bene, è inutile sperticarsi con boccette zeovit o luci di marche e tipologie sconosciute, basta guardare sui forum, vedere le vasche più belle come sono allestite a livello tecnico e prendere spunto o copiare spudoratamente, gli esperimenti sono da lasciar fare a chi lo fa di lavoro, a chi non ha altro da fare o a chi non sa come passare il tempo o spendere migliaia di euro, se uno vuole gestire la vasca rilassandosi basta leggere gli allestimenti delle vasche fatte bene e sicuramente si troveranno sempre parecchi punto in comune per gli SPS, luci forti HQI e/o T5, schiumazione efficace, integrazione di calcio stabile, chimica dell’acqua stabilissima a valori ottimali, il resto è solo perfezionamento che ognuno fa secondo la propria indole.
L’altra cosa per gli SPS fondamentale sono i valori dell’acqua, che una volta portati in maturazione a livelli ottimali devono essere mantenuti il più stabilmente possibile.
Consigli e trucchetti? uno per esempio è avere coralli che fanno da sentinella, con il tempo e l’osservazione attenta si impara che alcuni coralli cambiano colore o hanno reazioni decise a imperfezioni della chimica o della luce prima degli altri, da questi si deve prendere spunto e appena si vede questo tipo di reazioni si deve intervenire in maniera veloce o graduale a seconda di quello che si deve correggere.

Acropora SP - Maggio 2007
Acropora Horrida – Maggio 2007

 

Acropora SP - Maggio 2007
Acropora Horrida – Maggio 2007

 

Acropora SP - Agosto 2007
Acropora Horrida – Agosto 2007

Gli animali che preferivo? boh.. tutti .. secondo me coralli brutti non ci sono e soprattutto tutti quelli che arrivano di maricoltura, anche se arrivano di colori anonimi o pessimi, sono allevati proprio perché diventano belli .
I coralli possono avere svariati tipi di stress prima dell’arrivo nelle nostro vasche, se vengono allevati lo sono per essere venduti , allevare coralli marroni non avrebbe un senso economico per chi lo fa, il problema è capirlo.
Moltissimi mi chiedevano dove compravo e cosa, semplicemente conoscevo i coralli abbastanza bene da valutarne la specie e valutarne le possibili variazioni di colore nel tempo, mi bastava vedere un riflesso o un polipo di un colore particolare che immaginavo come sarebbe diventato un animale, ma ci vuole esperienza e soprattutto studio per arrivare a questo.
Ho comprato spesso, perché costavano meno, coralli belli marroni ma che mi dicevano qualcosa … e ho sempre avuto ragione perché sono sempre diventati molto belli.
La maggior parte degli acquariofili compra coralli già splendidi, che poi magari smarronano in vasca (cosa abbastanza normale per lo stress, basta aspettare che poi tornano come prima, quindi è questione di tempo e bravura) oppure coralli selvatici, a cui sono abbastanza contrario, sia per questioni etiche sia perché con tutti i pezzi splendidi che si trovano in altri modi non ne vedo veramente l’esigenza, oltre ad essere spesso delicati e a volte impossibili da colorare come in natura.

Acropora SP - Settembre 2007
Acropora Aculeus – Settembre 2007

 

Acropora SP - Ottobre 2007
Acropora Aculeus – Ottobre 2007

 

Acropora SP - Ottobre 2007
Tridacna Crocea – Ottobre 2007

Certo, con i coralli selvatici c’è la possibilità di avere pezzi realmente unici, ma personalmente non ho mai fatto gare e quindi non mi interessano particolarmente, mi accontento di colorare per bene una montipora digitata che vale 5 euro.
Infatti nella mia vasca, cosa che consiglio vivamente, sono stati praticamente inseriti solo animali piccoli, talee da 2 ai 5 cm per farle crescere decentemente.
Gli animali, a parte alcuni, li ho sempre tenuti piccoli volontariamente perché i problemi che si possono formare all’interno delle colonie possono mettere a rischio tutto il corallo, sono più facili da osservare per valutare eventuali problemi in maniera rapida, e soprattutto dato che la mia vasca non era enorme, ma mi è sempre piaciuto averne tanti di coralli, era l’unico modo per farli convivere evitando contatti.
Ecco, mio grosso errore di gestione ma il mio più grosso divertimento con l’acquario: tenere le mani in vasca, è una delle cose che si dice a tutto, tenere le mani lontane dalla vasca, sì, grande consiglio, ma non ce l’ho mai fatta, ero sempre dietro a spostare coralli (a volte anche le rocce), cercando loro il posto perfetto perché il colore non era quello che volevo, lo spolipamento o la crescita non era adeguata alla mia idea oppure semplicemente non mi piaceva a livello estetico la posizione.
Non esistono 2 foto della mia vasca senza la metà dei coralli spostati.
Lo so che è sbagliato ma non ci potevo fare niente, era più forte di me.

Tridacna - Ottobre 2007
Tridacna Maxima – Ottobre 2007

 

Tridacna Crocea- Ottobre 2007
Tridacna Crocea- Ottobre 2007

 

Millepora - Ottobre 2007
Acropora Millepora – Ottobre 2007

Quanto ti è pesato smontare questa vasca?
Tanto e poco allo stesso tempo, mi spiego meglio, il tanto è perché quello, assieme alla fotografia, era la mia passione, il mio momento solo per me, il motivo per cui per anni avevo letto, imparato e a mia volta cercato di spiegare, per un po’ mi son sentito smarrito, c’è anche chi ha perso una scommessa credendo che avrei ricominciato entro 6 mesi.
Il poco, beh … vari motivi, quelli pratici erano che il tempo che avevo per stare con i miei figli era aumentato, non avevo ansie ogni volta che dovevamo andare via di casa per via di un giorno, non avevo bollette della luce degne di una partecipata ENEL .
Altri motivi che mi hanno fatto passare la voglia della vasca e dato una spinta alla vendita in blocco? sicuramente la situazione “politica” dei forum, per anni sono stato moderatore di Acquaportal, e mi sono sempre tenuto fuori dalle varie diatribe che sono comuni a tutti gli ambienti della rete, cercando solo di dare consigli e di aiutare più persone possibile (e spero realmente di averlo fatto), mi gestivo le mie sezioni sugli animali e mettevo qualche foto.
Nonostante questa mia non voglia (non sono un tipo polemico o che vuole aver ragione per forza, quindi se vedo che sto discutendo contro un muro preferisco tacere e andare avanti per la mia strada, modo di fare che negli anni su AP spesso mi ha dato ragione, tanta gente prima aggrediva mie consigli in pubblico, poi magari dopo qualche tempo mi chiedeva consigli in privato) le voci erano insopportabili, ormai tantissimi negozianti o pseudo amici di negozianti stavano frequentando i forum per screditare i forum stessi, i moderatori (d’altronde consigliare acquari fatti bene vuol dire anche far morire meno animali, di conseguenza porta gli utenti e non comprare attrezzatura a caso dai negozi in continuazione come fare continui inserimento di animali) e vari altri personaggi purtroppo stavano inquinando i forum. Forum che hanno cercato svariati metodi per arginare la cosa, come sezioni apposite, evidenza degli operatori di settore o altro, in maniera più o meno riuscita.
Nel momento in cui stavo al minimo di tempo, soldi e altro si è aggiunto anche il top di questa situazione, cosa che mi ha portato a mollare senza troppe remore, anzi per quanto tempo sono stato bene senza queste cagate che non centrano nulla con l’hobby.

Acropora Nana - Ottobre 2007
Acropora Nana – Ottobre 2007

 

Acropora SP - Ottobre 2007
Acropora Aculeus – Ottobre 2007

 

Acropora Millepora - Ottobre 2007
Acropora Millepora – Ottobre 2007

Seconde te le vasche più belle in italia quali sono o quali sono state riferendoci anche al passato?
Urca, difficile da dire, troppo dipendente dai gusti personali, ho adorato quello che non avevo, cioè le vasche grandi! Mi vengono in mente quella di Alessandro Rossi, quella di Nando Masciadri, di Paolo Broggi, quella di Nando D’Amora, quella di Maurizio Manili, ma sono solo alcune, adoravo la vasca di Franco Dodaro, di Paolo Cazzato e tantissime altre che ora non mi vengono in mente, ora come ora non non saprei, sono fuori dal “giro” da troppo tempo, ma online vedo vasche di alto livello ancora oggi, e la cosa mi fa piacere.

Acopora SP - Ottobre 2007
Acropora Horrida – Ottobre 2007

 

Acropora Millepora - Ottobre 2007
Acropora Millepora – Ottobre 2007

 

Acroprora Nobilis - Ottobre 2007
Acroprora Nobilis – Ottobre 2007

Andrea come ben sai tu sei stato il mio riferimento quando muovevo i primi passi in questo hobby, e ognuno di noi deve averne avuto uno almeno per i primi tempi. Chi è stato il tuo riferimento? A chi chiedevi consigli?
Con questa domanda mi costringi ad uno sforzo di memoria non indifferente, all’epoca della mia iscrizione ad AP scrivevano, ed ho avuto l’onore di fare parte dello stesso staff, gente del calibro di Alessandro Rovero, Gilberto Hassan e tanti altri da cui ho cercato di apprendere tutto quello che ho potuto, leggendo tutto quello che avevano scritto negli anni, e poi i miei riferimenti erano i libri che ho sempre adorato a prescindere dalla tipologia, ancora oggi a distanza di anni da quando ho smontato la vasca non ho venduto o dato via alcun libro, sono ancora lì che mi guardano e sanno che presto ricomincerò a sfogliarli cercando di carpire le conoscenze di quelli che li hanno scritti.
Sono orgoglioso che ci siano persone, come te, a cui ho fatto da punto di riferimento per quest’hobby, è normale che ci siano persone del genere, ed è normale che ci sia un ricambio, ci saranno nuovi Reefaddict, nuovi Ik2ov, nuovi Pfft, e ci saranno nuovi utenti che come te impareranno e divulgheranno a loro volta questa nostra passione, magari in modi per noi non ancora immaginabili.

Acropora Millepora - Ottobre 2007
Acropora Millepora – Ottobre 2007

 

Acropora Prostrata - Novembre 2007
Acropora Millepora – Novembre 2007

 

Acropora Millepora - Novembre 2007
Acropora Millepora – Novembre 2007

Che consigli daresti a quelle persone che si vogliono avvicinare oggi a questo hobby?
Gli stessi che davo anni fa: studiate, leggete, tanto tanto tanto … possibilmente prima di iniziare a fare la vasca (impossibile lo so) ma almeno prima di iniziare a mettere animali a caso in vasca (difficile) e soprattutto imparate a osservare e a rilassarvi.
I neofiti all’inizio hanno il terrore che tutto sia una cosa dannosa, ma di dannoso dalle rocce non esce quasi mai niente per esempio, non spaventatevi per un verme o una lumaca ma godetevi la varietà di vita delle vostre vasche e cercate di osservarne le sfumature e avere pazienza, nel nostro hobby le cose belle avvengono con pazienza e tempi lenti, se volete fare le cose in fretta non farete altro che danni, solo le cose peggiori avvengono in fretta in vasca (purtroppo).
Altro consiglio spassionato a chi inizia, modestia e autocritica, dopo 3 mesi di acquario la gente si sente Bornemann, chiede consigli e se la risposta non è adeguata li ignora (ma allora perché chiederli?), per poi smontare dopo 2-3 anni di problemi dando la colpa ai forum, ai negozi o agli alieni, ma mai a loro stessi.

Acropora SP - Novembre 2007
Acropora Aculeus – Novembre 2007

 

Acropora Prostrata - Novembre 2007
Acropora Prostrata – Novembre 2007

 

Acropora SP - Novembre 2007
Acropora Austera – Novembre 2007

Secondo te com’è cambiato il mondo dell’acquariofilia oggi rispetto a quando tu avevi ancora la vasca?
A dire il vero posso dare un’impressione molto ridotta, non conosco a fondo la situazione, sono pochi mesi che mi sono riaffacciato in questo mondo e ho visto che molte cose sono cambiate, in meglio o anche in peggio, in meglio perché ora la possibilità di acquistare coralli splendidi è decisamente aumentata, si vedono pezzi bellissimi in tantissimi posti a costi anche onesti, in peggio? la situazione ora presente sui forum per via delle invidie, delle inimicizie, delle cattiverie è radicalmente peggiorata, se mai ricomincerò ne starò sicuramente fuori come ho sempre fatto, mi limiterò a mettere le foto in qualche forum di amici se mai ci saranno foto da mettere, ma sicuramente ora come ora è molto sgradevole la situazione, anche perché il tutto mi sembra condizionato solo da poche persone … boh .. per fortuna che non so niente .. altrimenti probabilmente mi farebbero passare la voglia di ricominciare.

Acropora Danae - Novembre 2007
Montipora Danae – Novembre 2007

 

Pomscentrus - Novembre 2007
Chrysiptera Cyanea maschio – Novembre 2007

 

Pomscentrus - Novembre 2007
Chrysiptera Cyanea Femmina – Novembre 2007

Andrea ti ringrazio per la tua grande disponibilità e concludo con un ultima domanda: a quando la tua prossima vasca?
Veramente sono io che ringrazio te, è la prima volta che qualcuno mi chiede di raccontare la mia vasca e di conseguenza la mia passione per un hobby magnifico per quello che ti può regalare.
Il fatto che dopo tanti anni (solo 4 a dire il vero, che sono pochini, ma a livello di internet sono tipo 4 ere geologiche) qualcuno si ricordi ancora, sia della mia vasca, sia di quello che ho provato a dare agli altri sul forum di Acquaportal, è la cosa che mi rende più orgoglioso in assoluto.
La prossima vasca? i primi anni senza acquario sono stati tranquilli e non ne sentivo particolare voglia, sia perché il lavoro mi porta via tanto tempo e quel poco che mi rimane cerco di dedicarlo ai miei figli e a mia moglie che sono comunque la parte migliore della mia vita, ricavando per me un po’ di tempo per l’altro mio grande hobby che ho potuto coltivare meglio vista l’assenza della vasca, cioè la fotografia naturalistica.
Ora da qualche tempo purtroppo mi è tornato il tarlo della vasca ed è difficile da mandare via, sono abbastanza intenzionato a ripartire, spero entro l’anno, ma per ora il tempo è veramente poco e soprattutto economicamente non so quanto potrei investirci e purtroppo servono anche i soldi, soprattutto per la parte tecnica e la bolletta della luce, ma davvero, spero presto di poterti dire che ho ricominciato a mettere le mani in acqua.

Synchiropus Splendidus - Novembre 2007
Synchiropus Splendidus – Novembre 2007

 

Acropora SP - Dicembre 2007
Acropora Austera – Dicembre 2007

 

Acropora Prostrata - Dicembre 2007
Acropora Millepora – Dicembre 2007

Andrea mi sembra doveroso chiudere questo articolo con un’ampia galleria fotografica della tua vasca.
La vasca di Andrea Casalboni – Anno 2010

8 Commenti

  1. il 2007 e l’anno in cui mi sono iscritto su AP quindi questa vasca la conosco benissimo.
    Andrea ti rinnovo i complimenti x questa fantastica vasca e spero tu riparta al più presto(si sa mai ti seguo a ruota) hahaha.
    ora x quanto riguarda la descrizione della vasca bhe!! e da tanto che non leggevo un articolo così ,fatto veramente bene e dove mi rispecchio in tante cose dalle montipore,alla gestione,alle attrezzature,alla pazienza cosa che in pochi anno ecc….quindi che dire BRAVO BRAVO BRAVO.

    Maurizio complimenti sinceri anche a te x l’intervista fatta ad Andrea,bravissimo e continua così.

  2. Anche se è passato qualche anno è impossibile non ricordare una vasca così bella e le foto fantastiche di Andrea……il non plus ultra….. bellissima 🙂

  3. Andrea io rimango senza parole….la tua serietà,la tua umiltà e soprattutto la tua disponibiltà e competenza siano di monito a molti acquariofili…..grazie! 🙂

  4. 2007, anno di iscrizione anche mia.

    che dire, pfft, ik2vov, reefaddict, malpe, algranati e altri.

    vasche che ti facevano girare la testa e informazioni e disponibilità incredibili.

    purtroppo, non vorrei ma è così, mi trovo d’accordo con la polemica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here